Scandicci: nuovo centro per giovani in difficoltà

Inaugurata Casa Michele Magone

 

Si chiama “Casa Michele Magone” il nuovo Centro inauguratoieri a Scandicci accanto alla chiesa di S. Giusto,​ per accogliere ragazziminorenni che, per diverse ragioni, hanno bisogno di essere aiutati nella lorocrescita educativa. Saranno ragazzi dai 12 ai 18 anni, presentati per lo piùdagli Assistenti Sociali del Comune: al mattino dopo le ore di scuola, verrannoal Centro per pranzare, poi essere seguiti nello svolgimento dei compitiscolastici, e trovare tempo per giocare e svolgere delle attività ricreativepersonalizzate nel territorio e anche all’Oratorio, fino a quando a seraverranno riaccompagnati a casa loro.​ ​ Sarà l’Aps “La melagrana”, giàconosciuta a Scandicci e oltre per altre iniziative di carattere sociale, aprendersi cura di questo Centro semiresidenziale, con educatori professionali ealtri professionisti insieme a Salesiani e a volontari ben preparati.​ ​ CasaMichele Magone” è stata voluta dai Salesiani, sostenuta con vigore da tantiamici e inaugurata ieri nel giorno della Festa di Don Bosco da Mons. GiuseppeMani, vescovo emerito di Cagliari ed ex allievo lui stesso.​ ​ La casa è prontae accogliente, con spazi per giocare, per il pranzo, per fare i compiti, perrelazionarsi e fare belle amicizie.​ ​ L’attività prenderà il via tra brevetempo, appena saranno concluse le ultime pratiche burocratiche.​ La affidiamoal Santo dei giovani e alla solidarietà di quanti già si sono adoperati per lanascita di questo servizio e che vorranno sostenerlo. Un grazie da parte deiragazzi di Scandicci.




 

Copyright © 2020 Circoscrizione Salesiana