XIII Assemblea Ispettoriale

27-29 agosto 2020 - Roma Don Bosco

 
Si è tenuta dal 27 al 29 agosto nel tempio di Don Bosco a Roma la XIII assemblea ispettoriale. Un'assemblea ricca, che ha visto la partecipazione di tanti confratelli, Figlie di Maria Ausiliatrice rappresentanti di ILS e IRO, rappresentanti della Famiglia Salesiana, laici e collaboratori, all’insegna della sicurezza e nel rispetto delle misure di contenimento del Covid-19.  

 

I lavori si sono aperti con la Tavola Rotonda coordinata da Benedetta Rinaldi (ex allieva del Pio XI e giornalista Rai), alla quale sono intervenuti il cardinale Matteo Maria Zuppi - collegato in streaming da Bologna, il dottor Gigi De Palo, presidente del Forum Nazionale dell’Associazioni Familiari, e il professor Leonardo Becchetti dell’Università di Tor Vergata, che ha curato l’aspetto sociale ed economico.

 

La tavola rotonda è iniziata con una riflessione sulla sfida dei salesiani in questo tempo di incertezza in seguito alla pandemia.

 

L’intervento del Cardinale Zuppi ha sottolineato come la pandemia sia stato un bagno di realismo che ci ha aperto gli occhi sull’essere tutti sulla stessa barca: ora sta a noi non sciupare l’opportunità della consapevolezza di vivere un mondo malato.

 

Anche il Papa ha parlato di un’ “economia malata”. La cura, secondo il professor Leonardo Becchetti, già esiste, ma “il successo del medico dipende dalla collaborazione del paziente”. Le possibili soluzioni riguardano gli stili di vita, da perseguire – secondo Becchetti - su tre livelli. A livello aziendale è opportuno abbracciare un modello ibrido, in cui si mette insieme profitto e impatto sociale. A livello personale è necessario coltivare l’arte delle relazioni, costruendo squadre, coalizioni e cooperazione. In ambito politico, infine, abbiamo bisogno di uno stato che sia catalizzatore delle energie della società civile, con incentivi e regole. Le istituzioni hanno ora molte risorse (che comprendono i 209 miliardi di cui 80 a fondo perduto) con cui possono riscrivere il nostro Paese, la nostra cultura e la nostra economia.

 

Il dottor Gigi De Palo ha posto l’accento sulla necessità di investire parte di queste risorse nella famiglia. “Basterebbe investire 7 miliardi di euro per le famiglie per poterle mettere nelle condizioni di vivere serenamente la loro dimensione educativa” ha affermato. Per De Palo la nuova sfida è l’inserimento della Laudato Si’ nell’Amoris Laetitia, ossia “considerare la natalità come qualcosa di sostenibile anche a livello ambientale”.


Il cardinale Zuppi ha chiuso il suo intervento affermando che “non lasciare nessuno indietro significa operare come faceva don Bosco”, dare fiducia ai giovani, dandogli la speranza per costruire il loro domani. Mettersi al servizio dei giovani significa seguire la visione di don Bosco ed educare il giovane stesso alla visione. “Questa si trasmette con gli occhi dell’amore, aiutati dal Vangelo che fa ci vedere ciò che ancora non c’è”. 

 

La prima serata dell’assemblea si è conclusa con un momento di preghiera in Basilica, guidato da una riflessione a partire dal sogno dei nove anni di don Bosco, e con la buonanotte dell’ispettore che ha sintetizzato la giornata con due parole: visione e leadership.

 

Nella seconda giornata dell’assemblea, don Juan Carlos Pérez Godoy, nuovo Consigliere Regionale per la Regione Mediterranea, ha presentato la figura del salesiano emersa dal Capitolo Generale, integrando con le riflessioni del Rettor Maggiore e del Consiglio. La riflessione è partita dalla bellezza del luogo che ha ospitato il Capitolo, Valdocco, “dove il sogno fondante è stato realizzato”, e dall’importanza della presenza dei giovani al Capitolo.

Nel suo intervento, don Juan Carlos, ha citato alcuni passi della Lettera del Papa al CG28 e altri passi della lettera programmatica del Rettor Maggiore. Allo stesso tempo, ha voluto dare una lettura personale dell’esperienza del Capitolo Generale, che ha riassunto in tre “fili d’oro”: 1) la presenza in mezzo ai giovani più poveri come garanzia dell’identità e fecondità vocazionale salesiana 2) un nuovo modo di capire la formazione 3) il modello di missione e il carisma condivisi tra salesiani e laici, e il nostro modello di essere e vivere la Chiesa con i giovani.

 

E’ seguita poi la Relazione dell’Ispettore, Don Stefano Aspettati, che dopo i saluti e i ringraziamenti iniziali ha parlato del CG28 come “un’esperienza molto bella, ancorché mutilata” che offre un tema nuovo che è quello dell’accompagnamento dei giovani verso un futuro sostenibile. Il terzo punto della relazione ha riguardato la nuova proposta pastorale e il “bagno nella realtà”. L’epidemia ci ha riscoperti fragili, ci ha lanciato diverse sfide a vari livelli. Alcune sono state accolte con prontezza (basti pensare alle nostre scuole e dei nostri CFP che hanno affrontato in tempi record il sistema della didattica a distanza e si sono interessati dei bisogni degli alunni più poveri). Altre sfide, invece, anche se indipendenti dall’epidemia, hanno richiesto proprio durante questo periodo di operare delle scelte, come quella di riconsegnare alla diocesi le Parrocchie di Sulmona e di Nuoro e di sospendere la comunità di Loreto. “Sono scelte difficili e sofferte non solo per chi le subisce, ma anche per chi le prende e se ne assume la responsabilità” ha detto l’ispettore. “Non possiamo sapere cosa il Signore chiederà nei prossimi tempi alle nostre comunità” ma l’invito è quello di metterci nel cuore del mondo, di fare rete e pensare l’ispettoria come un corpo. L’ispettore ha concluso la relazione invitando al coinvolgimento dei giovani nei processi decisionali, così come riportato nella lettera che i giovani hanno inviato ai Capitolari.


Dopo il pranzo, per piccoli gruppi e su turni, l’Assemblea è proseguita con la visita ai locali della nuova sede Ispettoriale e, a seguire, ci si è ritrovati per procedere con il lavoro per Consigli delle CEP.

 

Dopo aver ascoltato la provocazione del cuore del mondo dopo la pandemia e aver approfondito attraverso gli interventi di don Juan Carlos e don Stefano cosa dice questo tema nella congregazione, nell’ispettoria e nella nostra CEP, durante la terza e ultima giornata insieme, è stata presentata la nuova proposta pastorale da diversi punti di vista. 

 

Don Emanuele De Maria, delegato della Pastorale Giovanile, ha presentato la proposta pastorale del nuovo triennio a partire dal contesto in cui essa si colloca. La proposta di quest’anno “Nel cuore del mondo - Ecco il tuo campo, ecco dove dovrai lavorare” si è ispirata al bicentenario del sogno dei 9 anni, alle linee progettuali della Pastorale Giovanile della CEI “Dare casa al futuro”, alla Strenna del Rettor Maggiore “Onesti cittadini buoni cristiani”, al tema della GMG di Lisbona e agli anniversari della morte di San Francesco di Sales e della fondazione dell’Istituto Figlie di Maria Ausiliatrice.

Il tema di quest’anno ha come focus la nostra collocazione in questo mondo, il capire cioè cosa significa essere cristiani e con il carisma di don Bosco in questo tempo. L’anno prossimo il focus sarà la nostra vocazione (con una sfumatura accentuata sull’educazione affettiva) e tra due anni si approfondirà il nostro impegno in questo mondo.  

 

L’intervento sulle linee di programmazione per la formazione della Famiglia Salesiana è stato curato da Don Francesco Marcoccio, che si è lasciato ispirare dal tempio dedicato a don Bosco che ha ospitato l’assemblea, la cui architettura rimanda alla sua vita e alla sua storia. Don Francesco ha sottolineando come il sogno sia evocativo, lasci aperto il significato alle interpretazioni e sia la graduale definizione di una strada che si fa sempre più chiara. “Il sogno in don Bosco è una visione, una manifestazione di Dio nella sua vita che lui comprende gradualmente. Allo stesso modo anche la formazione: quella iniziale parte con la chiamata di Dio che si relaziona poi con la nostra storia personale e ci sollecita ad adattarla”. La formazione permanente poi fa sì che si interiorizzi e si erediti l’insegnamento del padre.

Il sogno – ha detto don Francesco - rimanda alla nostra identità salesiana, da conoscere, amare, confrontare e pregare, perché il da mihi animas cetera tolle diventi realtà.

 

Infine, Don Francesco Valente - economo ispettoriale, ha parlato di un anno non facile e di crescita; un anno in cui l’ispettoria ha dovuto sostenere varie opere; un anno difficile, ma in cui la provvidenza e la solidarietà delle case si è manifestata in modo importante. L’epidemia ci ha aiutato a scoprire tante cose e ci apre a nuove sfide che consistono nel ripensare e riprogettare la nostra realtà, la nostra economia e il nostro stile di vita comunitaria. Il covid ci stimola a crescere nella capacità di lavorare insieme, per progetti, come confratelli e insieme ai laici, e anche con nuovi strumenti.

 

L’Assemblea si è conclusa con l’intervento dell’ispettore che ha voluto lasciare due parole di sintesi: “coraggio” per stare nel cuore del mondo e “insieme”, perché solo lavorando insieme ci si può considerare come un corpo unico ispettoriale.

 

Il ringraziamento finale è stata la celebrazione eucaristica durante la quale ci sono stati i rinnovi della professione religiosa di alcuni confratelli ed il ricordo dei confratelli che celebrano particolari anniversari di professione e/o ordinazione.




 

Copyright © 2020 Circoscrizione Salesiana