Francobollo per il Santo dei giovani

Emissione di Poste italiane e Poste vaticane

 

Per celebrare il Bicentenario della nascita di Don Bosco il prossimo 19 maggio le Poste Italiane e le Poste Vaticane emetteranno due francobolli dedicati al Santo dei Giovani, in quella che viene considerata una emissione congiunta tra i due Stati.

Il soggetto dei francobolli sarà identico, così come uguale sarà il loro valore facciale (80 centesimi di euro), pari ad una lettera semplice di corrispondenza tra i due stati ed al loro interno; ma sarà diverso il formato, che nella versione italiana risulta più grande.

I francobolli sono stati realizzati dall’Ufficio filatelico e numismatico di Piazza San Pietro, e per l’Italia sono stati adattati dall’Istituto poligrafico e Zecca dello Stato, che ne ha predisposto la stampa, in formato adesivo, per 800 mila esemplari con fogli da 28 pezzi l’uno. Dal Vaticano è stata invece predisposta un’emissione di 250 mila esemplari, racchiusi in foglietti da sei, che contengono anche una bandella descrittiva.

Il soggetto sarà costituito dal logo usato per celebrare il Bicentenario, i cui elementi costitutivi sono il ritratto del volto di Don Bosco, la cifra “200” e la Famiglia Salesiana e i giovani in festa.

A corredo dell’emissione sono previsti, a cura dell’Italia, i consueti prodotti come l’annullo primo giorno (che sarà realizzato anche da parte Vaticana), nonché il bollettino illustrativo che ne descrive l’emissione e probabilmente il folder che si realizza per questi eventi.

Non sono questi gli unici eventi filatelici legati all’Anno del Bicentenario. Solo per restare all’Italia si può ricordare, ad esempio, l’annullo filatelico speciale rilasciato dalle Poste Italiane il 31 gennaio scorso a seguito della mostra di immaginette sacre di Don Bosco a Barcellona Pozzo di Gotto (Messina).

Pubblicato il 08/05/2015 in ANS



 

Copyright © 2020 Circoscrizione Salesiana